- Sebastiano Parasiliti Official Web Site

Vai ai contenuti

Menu principale:

 



Danila Tassinari

Parasiliti, nel Vco "Seba" raddoppia – articolo
Apparso sul bisettimanale Eco-Risveglio nr.49 –
Domodossola 14 giugno 2007.-


Sebastiano Parasiliti, in arte Seba, raddoppia: dopo l’inaugurazione al castello di Vogogna, da sabato 16 una ventina di sue opere saranno esposte anche a Piedimulera, presso LaborArt, spazio per eventi artistici. Nato nel 1958 in provincia di Catania, Seba riproduce nei suoi lavori scorci degli agglomerati urbani, grigi e disadorni, che circondano le pendici dell’Etna. Dipinti e bitumi è il titolo emblematico della mostra: oltre ad alcuni quadri ad olio o a tecnica mista, saranno esposti alcuni disegni su carta, di piccolo formato, che alcuni critici hanno definito "bitumi" perché molto scuri, essendo stati realizzati con una tecnica assai elaborata che fa uso di olio, carboncino, pastelli, acquaragia ed emulsioni varie. Seba predilige i cromatismi grigi, lascia poco spazio per il colore, spesso relegato in un sol punto della tela, come un suggerimento per chi da li volesse iniziare a colorare. Periferie urbane, auto in movimento, oggetti del quotidiano: Seba racconta ciò che vediamo e usiamo tutti i giorni, sublimandolo in una sua visione personale, a suo modo poetica e suggestiva, nel tentativo di dare o ridare bellezza a ciò che non lo ha. "Un cespuglio ai margini della strada, una fabbrica in disuso, lo svincolo di una tangenziale o un cartello stradale arrugginito dalla pioggia non sono belli – dice il pittore – come non sono belle le città in cui per un motivo o per un altro siamo costretti a vivere: io tutto questo cerco di renderlo più tollerabile, più poetico. Cerco la bellezza nelle pieghe anche scabrose  a volte della nostra quotidianità". Inaugurazione alle 16 a cura di Giuseppe Possa. La mostra sarà visitabile fino al 30 giugno

























           

Torna ai contenuti | Torna al menu